Ragazza cattiva - Benevento

Ciao vi racconto di qualche sera fa quando il mio uomo mi ha fatto il culetto viola, era una giornata dove gli ho rotto il cazzo dalla mattina fino ad arrivare a sera, per ogni minima stronzata, un like su una foto di qualche donna mezza nuda, le sue ex che gli scrive, lui che non parla mai di me con gli altri, non pubblica mai foto nostre sui social, nemmeno un post con una dichiarazione d'amore e fedeltà... ho messo tutte queste cose insieme più la mia voglia di scopare inesaudita e la mancanza di attenzioni da parte sua che è incentrato sulla sua vita e i suoi problemi trascurando me e la nostra vita di coppia... e nulla gli ho rotto il cazzo da quando mi sono svegliata, lui alla sera credeva di calmarmi con dei dolci, di solito funziona sempre, ma stavolta qualcosa è andato storto. Arrivo a casa e lui era li ad aspettarmi con delle caramelle, cioccolate, torte, muffin, donuts... ecc. Io arrivo e non tocco nulla, ero troppo infuriata per mangiare, gli inizio ad urlare contro vomitando tutta la mia rabbia e insoddisfazione. Lui sta zitto e mi lascia parlando da sola, mi fa incazzare ancora di più... mi fermo e lo guardo, gli dico "Non ti importa nulla di tutto ciò?" Lui si alza, mi prende per il braccio e mi trascina in camera da letto, mi mette contro il muro e si avvicina faccia a faccia con me, con la voce ferma e sicura esclama: "Io amo te, tu sei la mia donna, lo sarai per il resto della mia vita, non voglio nessun'altra che non sia te! Ora che ti ho chiarito questo, imparerai a controllarti con le buone o con le cattive!" Poi si è messo seduto e mi ha tirata verso di me, mi ha spogliata e mi ha messo sulle sue ginocchia, ha iniziato a sculacciarmi e nel mentre mi domandava: "Hai capito che ti amo?" Ed io per rabbia rispondevo no! Ecco un'altra sculacciata, avanti cosi per almeno 15,20 minuti, sentivo le chiappe bruciare e sudavo accaldata, lui mi prende per i capelli mi alza la testa mi bacia e mi guarda negli occhi: "Ora hai capito che ti amo?" Si... ho capito. Lui mi risponde: "Bene, ora che lo hai capito la finisci di essere gelosa?" No! Ecco altre sculacciate... Io piangevo dal dolore e dalla rabbia ero ancora troppo incazzata, lui mi bacia e mi chiede: "Cosa devo fare per farti capire che sono solo tuo?" io gli rispondo: "Voglio che tu viva per me, voglio essere la tua priorità, il centro delle tue attenzioni, voglio che guardi solo me e nelle altre tu veda soltanto difetti e mai bellezza, voglio che tu desideri soltanto me e faccia parte di me." Dopo avergli detto ciò siamo stati in silenzio per un po' poi lui mi gira verso di se e mi bacia tenendomi dal collo, "Cosi sarà amore mio, perché tu sei tutto per me e avendo te non ho bisogno di nient'altro!" Mi bacia ancora e poi mi fa sdraiare a letto... mi apre le gambe e esclama: "Ora ti dimostro che sono già parte di te!" Inizia a masturbarmi il clitoride e mi fa squirtare, appena ho squirtato ecco che infila dentro 4 dita e inizia a spingere... io urlavo dal piacere e piangevo dalla rabbia, lui spingeva di più e pian piano ha messo anche il 5 dito, chiuse il pugno e inizio a spingerlo in fondo slabbrandomi la figa e penetrandomi fino a toccare l'utero, si avvicina a me e mi chiede "Ora lo senti che sono parte di te?" Gli rispondo di si, ma gli chiedo ancora... ancora, di più... Cosi inizio a scoparmi con il suo pugno e con l'altra mano premeva sotto l'ombelico, smetto di piangere e urlare, ero senza forze, mi lascio andare e vengo ancora... Dopo essere venuta lui toglie il pugno sale sopra di me e mi bacia ancora, labbra, guance, fronte, collo, seno, pancia... poi mi gira a pancia in giù e mi alza il culetto in alto tenendo il mio viso e il mio busto appoggiato sul letto, mi apre il culetto e lo lubrifica sputandoci sopra, mi penetra un po' alla volta fino ad averlo tutto dentro, mi tocca ancora il clitoride e mi fa squirtare di nuovo mentre mi scopa il culo! Mi grafia la schiena e mi sculaccia ancora, mi tira i capelli e mi penetra con violenza, nel mentre mi urla: "Lo senti che sono tuo e tu sei mia? Ora lo senti???" Io urlo, "Si, ancora... ti prego ancora, scopami!" Lui continua e mi sborra tutto dentro, mi riempie tutta, io crollo esausta e lui crolla affianco a me, mi tira tra le sue braccia come fa sempre e mi abbraccia: "Io ti amo e a te ho donato tutto me stesso, corpo e anima, non voglio nessun'altra che non sia tu, ne oggi ne mai!" Io mi commuovo e lo stringo forte: "Scusami amore, ho solo paura di perderti e non riesco ad immaginare una vita senza te, ti amo." Cosi ci addormentiamo abbracciati per tutta la notte. Quella sera ero stata punita ma allo stesso tempo amata.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!